daniele-viotti


scopri

Bandi Europei

Una possibilità di sviluppo. Qui le informazioni sui bandi e i concorsi europei.

Attività parlamentare

Segui gli aggiornamenti dalle commissioni BUDG e LIBE.

eventi

There are no upcoming events at this time.

Ultime notizie

Questa settimana a Strasburgo votiamo il Presidente del PE

Questa settimana a Strasburgo voteremo per il presidente del Parlamento Europeo che succederà a Martin Schulz. Ovviamente la mia preferenza andrà a Gianni Pittella. E se vi state chiedendo cosa faccia il presidente del parlamento qui c’è un video che – per dirla con le parole di quelli bravi – lo “spiega bene”.

Leggi tutto

eunews.it – Gruppo Monti: Rendere l’Ue finanziariamente indipendente dagli Stati. Viotti: “Buona base su cui lavorare”

Presentato il rapporto sulle “risorse proprie”.

Bruxelles – Non dipendere più sostanzialmente dagli Stati ma avere forti risorse proprie che garantiscano una libertà di azione. E’ questa la proposta che il gruppo di studio diretto da Mario Monti ha presentato oggi agli europarlamentari a Bruxelles.

L’ex premier è stato incaricato dai leader dell’Unione e dalla Commissione di studiare nuove forme di finanziamento proprie per l’Ue, ed in questi giorni sta presentando l’esito del suo lavoro (un rapporto di centinaio di pagine), che sarà pubblicato questo mese.

leggi tutto

Leggi tutto

Sull’intervista di Matteo Renzi a Repubblica

Ho letto l’ormai famosa intervista “del ritorno” a Matteo Renzi su Repubblica. A parte rivendicare, giustamente, quanto fatto su migranti e Europa (questioni di cui condivido sia il metodo che il merito), sono perfettamente d’accordo con l’affermazione di dover costruire il programma di governo del Pd per i prossimi cinque anni. Lo dico da tempo: il nostro orizzonte non può limitarsi a questa legislatura; il nostro obiettivo è il 2018.

Tutto bene? No. C’è un problema di fondo che emerge prepotente quando si affronta il tema del partito. Renzi vuole cambiare le facce, cambiare il metodo, cambiare la struttura, cambiare tutto (!). Giustissimo. Peccato che queste promesse le sentiamo dire da anni e non sono mai state mantenute. E non è un caso che quando Ezio Mauro gli chiede se si sente in grado di fare il segretario del Pd, Renzi risponda: «Vedremo se sarò capace». Dimenticandosi che ormai sono tre anni che è segretario nazionale del Partito Democratico.

leggi tutto

Leggi tutto

L’Unità.it – Movimento 5 Stelle a Bruxelles. Cosa è successo?

Su l’Unità di oggi ho cercato di spiegare cos’è successo a Bruxelles con il Movimento 5 Stelle e di come il nostro partito sbagli a inseguire la sua retorica per accattivarsi dei consensi che non avremo. La risposta è nella proposta politica, uscendo – anche noi – dal desiderio di essere come tutti.

L'immagine può contenere: sMS
Leggi tutto

#unionicivili: si conclude l’iter di una legge storica

L'immagine può contenere: cielo e spazio all'aperto

 
Ogni tanto riusciamo a condividere qualche buona notizia. La prima conquista è finalmente arrivata, e con i decreti attuativi ora è definitiva. Adesso lavoriamo per il prossimo obiettivo. L’uguaglianza totale ed indiscriminata.

Con l’ok definitivo del Consiglio dei ministri ai tre decreti legislativi di attuazione alla legge sulle unioni civili, il nuovo istituto esce dal regime transitorio ed entra a pieno titolo nell’ordinamento italiano.

leggi tutto

Leggi tutto

Giornalisti de L’Unità in sciopero

La mia massima solidarietà ai lavoratori de l’Unità, oggi in sciopero [http://www.repubblica.it/…/unita_licenziamenti_pd_editoria…/]. E’ la prima cosa che voglio dire, ma poi ce ne sono altre.
E mi rivolgo allla maggioranza del mio Partito. Non possiamo essere al pari di quei dirigenti d’azienda che pensano di sanare le loro strutture licenziando i lavoratori. Nonostante l’impegno e la bravura dei suoi giornalisti, questo giornale purtroppo non ha nessuna capacità di incidere nel dibattito pubblico. E – cosa forse peggiore – non c’è la volontà da parte del Partito perché questo avvenga”.
Un giornale megafono delle prodezze del Governo è anacronistico. Così come i militanti non sono distributori automatici di volantini, L’Unità non può essere l’altoparlante della maggiornaza del PD.
Ci sarebbe un’occasione straordinaria da sfruttare. Trasformare l’Unità in una piattaforma collaborativa per la stesura del programma del Partito per le prossime elezioni. Un luogo dove i militanti possano portare il loro contributo.

leggi tutto

Leggi tutto