Alba Pride: un pride antifascista, come sempre

7 luglio 2018

Oggi con la seconda edizione dell’Alba Pride si è chiuso il ciclo dei Pride piemontesi 2018.

Un grazie innanzitutto al Collettivo De-Generi per questa bellissima giornata; grazie anche a tutto il Coordinamento Torino Pride GLBT per il lavoro instancabile e quotidiano che ha messo in campo anche quest’anno.

Ad Alba per un Pride antifascista come sempre.#alba #albapride

Posted by Daniele Viotti on Saturday, 7 July 2018

Il simbolo di questo Piemonte Pride era il pugno chiuso. Un chiaro messaggio per ribadire da che parte stiamo: contro tutti i fascismi, contro tutti i razzismi, contro la paura e l’intolleranza. Contro chi, come il Ministro Fontana, pensa di potervi dire cosa è una famiglia e cosa non lo è. Contro il Ministro Salvini, che attacca i disperati che scappano da fame e miseria. Bene, a loro diciamo che saremo sempre in piazza per difendere gli ultimi, i discriminati, gli emarginati.
I Pride sono e continueranno a essere la più grande manifestazione laica di questo paese. E le nostre ali abbracceranno tutte e tutti quelli che avranno bisogno di una voce: i migranti, le donne, i diversamente abili, i disoccupati e i precari.

E insieme vinceremo, ne sono convinto.

Oggi con la seconda edizione dell’Alba Pride si chiude il ciclo dei Pride piemontesi 2018. Un grazie innanzitutto al Collettivo De-Generi per questa bellissima giornata; grazie anche a tutto il Coordinamento Torino Pride GLBT per il lavoro instancabile e quotidiano che ha messo in campo anche quest’anno.Il simbolo di questo Piemonte Pride era il pugno chiuso. Un chiaro messaggio per ribadire da che parte stiamo: contro tutti i fascismi, contro tutti i razzismi, contro la paura e l’intolleranza. Contro chi, come il Ministro Fontana, pensa di potervi dire cosa è una famiglia e cosa non lo è. Contro il Ministro Salvini, che attacca i disperati che scappano da fame e miseria. Bene, a loro diciamo che saremo sempre in piazza per difendere gli ultimi, i discriminati, gli emarginati.I Pride sono e continueranno a essere la più grande manifestazione laica di questo paese. E le nostre ali abbracceranno tutte e tutti quelli che avranno bisogno di una voce: i migranti, le donne, i diversamente abili, i disoccupati e i precari. E insieme vinceremo, ne sono convinto.

Posted by Daniele Viotti on Saturday, 7 July 2018