Richiesta di risarcimento alle Nazioni Unite per le vittime di avvelenamento in Kosovo

4 febbraio 2019

Insieme ad alcuni collegi ho inviato, come membro della delegazione Bosnia e Kosovo, una lettera al Segretario generale delle Nazioni Unite Guterres per invitare l’ONU a ricompensare le vittime da avvelenamento da piombo. Dopo la guerra in Kosovo, la missione delle Nazioni Unite in Kosovo (UNMIK) ha ospitato circa 600 persone di origine rom, ashkali ed egiziana sul terreno di un ex complesso minerario. Nonostante UNMIK fosse informata dei potenziali pericoli di avvelenamento da piombo sin dal 2000, le ultime persone sono state trasferite in un luogo più sicuro solamente nel 2013. Sulla base di queste violazioni dei diritti umani, lo Human Rights Advisory Panel ha raccomandato alle Nazioni Unite di scusarsi formalmente e di pagare le indennità individuali alle vittime di avvelenamento da piombo. Fino ad oggi, le raccomandazioni dei propri esperti rimangono inascoltate e decine di persone hanno affrontato problemi di salute, tra cui convulsioni, malattie renali e perdita di memoria. È tempo che le Nazioni Unite riconoscano i propri errori e risarciscano le vittime.

Qui il testo https://www.facebook.com/danieleviotti74/photos/a.260236720813895/1077255562445336/

 

Tag